Una caldaia è un dispositivo utilizzato per riscaldare un ambiente o per produrre acqua calda sanitaria. Esistono diverse tipologie di caldaie, tra cui quelle a gas a condensazione, a pellet e a metano. In questo articolo ci concentreremo sul funzionamento di una caldaia che è comandata da due termostati.

che cos’è il termostato

Un termostato è un dispositivo che consente di regolare la temperatura di un ambiente. Esistono diverse tipologie di termostati, tra cui quelli meccanici e quelli elettronici. Nel caso di una caldaia comandata da due termostati, gli stessi sono utilizzati per regolare la temperatura in due ambienti differenti. Ad esempio, in una casa potrebbe essere presente un termostato per il soggiorno e uno per la camera da letto.

In generale, i termostati sono collegati alla caldaia tramite un sistema elettrico. Quando un termostato rileva che la temperatura in un ambiente è troppo bassa, invia un segnale alla caldaia per accenderla. La caldaia, a sua volta, inizia a produrre calore e a inviarlo all’ambiente tramite le tubazioni che arrivano ai radiatori. Quando la temperatura desiderata viene raggiunta, il termostato invia un segnale alla caldaia per spegnerla.

Ogni famiglia è libera di impostare la propria temperatura ideale , adattandola il più possibile alle proprie esigenze e orari. Si programma così la temperatura corretta durante il giorno e durante la settimana, secondo le ore di presenza o assenza, per il giorno e per la notte, ma anche in base ai giorni lavorativi o festivi, ai periodi di attività e festivi. 

Quale è la temperatura ideal da tenere in casa? Sarà tra i 19 e i 20°C durante il giorno e tra i 16 e i 17°C di notte. Tutto quello che devi fare è adattarli alle ore di occupazione dell’alloggio concedendoti un margine di variazione in base alla qualità dell’isolamento e alla riluttanza degli abitanti della casa.

Ci sono alcune problematiche che possono verificarsi quando si utilizzano due termostati per comandare una caldaia. Ad esempio, i termostati potrebbero non essere tarati correttamente, causando un surriscaldamento o un raffreddamento eccessivo in uno o entrambi gli ambienti. Inoltre, i termostati potrebbero non essere compatibili con la caldaia, causando problemi di funzionamento.

schema-caldaia-2-termostati
schema elettrico caldaia 2 termostati

Inoltre, è possibile comandare una caldaia da remoto tramite un sistema di controllo remoto, come ad esempio un termostato intelligente. Questi dispositivi consentono di accendere o spegnere la caldaia, regolare la temperatura e monitorare l’utilizzo dell’energia da qualsiasi luogo tramite un’app sul proprio smartphone o tablet. Ci sono anche alcune caldaie che vengono fornite con un sistema di controllo integrato, che consente di controllare la caldaia tramite un’app sul proprio smartphone o tablet.

In generale, utilizzare due termostati per comandare una caldaia può essere una soluzione efficace per regolare la temperatura in due ambienti differenti. Tuttavia, è importante assicurarsi che i termostati siano tarati correttamente.

esistono anche termostati adatti ai radiatori elettrici. Questi elementi sono compatibili con il “cavo pilota”. Ciò significa che sono in grado di autoregolarsi con il proprio termostato. La maggior parte dei riscaldatori elettrici può essere controllata in questo modo. Per riconoscere un modello compatibile basta guardare i fili a livello dell’alimentatore, ce ne deve essere uno di colore nero.

 

termostato wifi

i cronotermostati wifi che si connettono ad internet sono in pieno sviluppo. Grazie ad una connessione Wi-Fi diventa possibile controllare il proprio riscaldamento a distanza tramite smartphone. Questo permette di avere sempre il riscaldamento alla giusta temperatura al rientro in casa, soprattutto in caso di orario variabile, massimizzando al contempo l’orario ridotto, quindi spegnendo la caldaia quando non serve. L’uso è anche più semplice grazie alle applicazioni mobili e l’uso delle istruzioni diventa rapidamente superfluo.

La maggior parte di questi dispositivi ha anche una funzione di anticipazione. In base alla temperatura esterna e ai cicli di riscaldamento precedenti, il termostato può anticipare l’inizio del riscaldamento per ottenere la temperatura desiderata all’ora desiderata, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche.